Corella L’ombra del Borgia – Federica Soprani

Trama

Corella 4

Roma, 1505. In un cupo sotterraneo di Castel Sant’Angelo, Niccolò Machiavelli visita un prigioniero spagnolo, Michele Corella. Il suo corpo è devastato dalla tortura, ma la sua mente ancora vigile e colma di ricordi trascina il letterato in un viaggio nel tempo, lungo l’ascesa e la caduta di Cesare Borgia, all’ombra del quale Corella ha vissuto, custode e araldo di un sogno non suo. Le vicende della famiglia Borgia si snodano lungo tredici anni di guerre, intrighi, matrimoni e delitti facendo emergere uomini e donne in un susseguirsi di grandezza e miseria che trascende la storia, riportando personaggi celebri al ruolo di comuni mortali. Alla fine, non più protetto dal nome del Borgia, Corella dovrà fare i conti con le proprie scelte.

Recensione a cura di Alessandra Ottaviano

Fin dai primi capitoli si capisce subito che il romanzo è il frutto di uno studio e una ricerca accurata, non solo dei fatti storici, ma anche delle parole, un lavoro certosino che denota un particolare amore per la parola scritta che riesce ad evocare emozioni nel lettore. La storia dei Borgia viene raccontata attraverso gli occhi di Michele Corella il sicario – umanista, l’anima nera di Cesare Borgia.

I due protagonisti sono legati da un’indissolubile amore fraterno che spinge Corella a vivere nell’ombra gravitando attorno al suo sole, Cesare.

Il ritratto di Cesare che dà l’autrice è lo stesso che mi sono prefigurata attraverso gli innumerevoli libri letti: orgoglioso, combattivo, arrogante, impavido, fiero, ambizioso e irascibile, amante delle belle donne e del gozzovigliare. Inutilmente Corella cerca di mitigare il suo carattere impetuoso ma “c’è troppa poca vita in una vita per Cesare Borgia”

Corella 2

Ho trovato bellissimo il passaggio dove, in una delle tante feste in Vaticano, i personaggi si trovano a banchettare e disquisire sulla primavera del Botticelli assegnandosi dei ruoli nell’allegoria: festini e banchetti “che degeneravano inevitabilmente in orge”.

La scrittura dell’autrice riesce a rendere vivide le immagini.

Ho pianto per la morte di Alfonso D’Aragona per mano di Michele, nonostante conoscessi la storia, attraverso i libri letti, ed abbia vissuto varie volte la sua morte, questa mi ha particolarmente colpita: Alfonso è sofferente sul letto quando vede entrare Corella nella stanza, capisce subito l’ineluttabile destino che lo attende e con dolcissime parole, egli non si rammarica per la sua sorte, ma si duole di non poter prendere commiato dalla sua amata sposa.

corella 3Sullo sfondo della storia gravitano le vicende dell’angelica Lucrezia, della prorompente Sancha e dell’indomita Caterina di cui Corella si innamora, una licenza dell’autrice resa con molta sensualità.

Caterina Riario Sforza dava voce e forma al desiderio della carne. Era l’anelito dell’anima che si confondeva per un istante, nell’oblio dei sensi, nella comunione con un altro essere che si percepisce come pari e complementare.”

Sulla vita di Michele Corella si sa poco o nulla, anche la sua morte è ancora avvolta nel mistero, ma Federica Soprani riesce a farlo rivivere magistralmente nel suo romanzo.

Ho amato il suo Corella, una sublime lettura.

CorellaCopertina flessibile: 232 pagine

Editore: Mondoscrittura (1 gennaio 2013)

Collana: La macchina del tempo

Lingua: Italiano

ISBN-10: 8897960030

ISBN-13: 978-8897960034

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...