Vlad III – L’ordine del Drago

Il suo patronimico rumeno è un diminutivo dell’epiteto Dracul portato da suo padre Vlad II, che nel 1431 divenne membro dell’Ordine del Drago. Dracul è la forma definitiva rumena il sostantivo drac “diavolo” deriva dal latino draco.Così, Dracula significa letteralmente “Figlio del Drago”. Nel moderno rumeno, la parola drac ha assunto il significato di “diavolo” questo ha portato ad interpretazioni errate dell’epiteto di Vlad che così lo caratterizzano come “diabolico”. La data esatta di fondazione dell’ ordo draconis è ad oggi oggetto di discussione. La corrente storica più accreditata vuole l’Ordine del Drago fondato il 13 dicembre 1408. In quell’anno l’imperatore Sigismondo, reintegrato nei suoi domini ungheresi, sarebbe ricorso alla fondazione della confraternita non solo per combattere la minaccia dei turchi ottomani ma anche per garantirvlad 2si l’appoggio della nobiltà magiara che per cinque anni lo aveva combattuto. Alcuni storici sarebbero invece propensi a ritenere quale data di fondazione dell’ordine il 1387, anno in cui Sigismondo ottenne il titolo di re d’Ungheria. Scopo della fondazione, decisamente più politico che cavalleresco, sarebbe stato garantire al re straniero l’appoggio della nobiltà magiara con la creazione di una ristretta cerchia di fedelissimi. Interessante osservare che una simile manovra non era nuova per la storia ungherese: già l’Ordine di San Giorgio, del re Carlo I d’Ungheria, aveva avuto un’origine simile all’ ordo draconis. La prassi di ricorrere alla fondazione di ordini cavallereschi dagli intenti più politici che guerreschi fu però prassi comune nel periodo tardo medievale e tale fenomeno comprese tutto il territorio europeo, non solo l’Europa Centrale. Dato certo è che la fraternitas dei “Draghi” non fu un ordine cavalleresco come gli altri. Basti ad esempio il fatto che, ancora nel 1431 (anno di conferma degli statuti della confraternita), il titolo di cavaliere non figurava tra i requisiti per l’ammissione nell’ordine. Importante inoltre ricordare che l’ordine del Dragone non aveva santi patroni né un quartier generale o assemblee periodiche. Nel 1433, in occasione dell’incoronazione di Sigismondo ad imperatore, lo statuto dei “Draghi” venne ratificato da Papa Eugenio IV. L’ordine si diffuse rapidamente nell’Europa Orientale, presso le zone d’influenza del gioco politico di Sigismondo: Boemia, Ungheria, Polonia, Serbia e Principati danubiani (attuale Romania). Si diffuse in seguito in Germania, in Austria, in Italia e in Spagna. In Italia, in particolare venne rappresentato dall’ambasciatore della Repubblica di Venezia Pantaleone Balbo e dal condottiero di ventura Filippo Scolari il quale appartenne ai primi 24 notabili cavalieri dell’ordine. In Spagna, celebre membro dell’ordine fu re Alfonso V d’Aragona, che vi aderì per combattere i Mori ancora attivi nella penisola iberica. Aderirono alla fraternitas anche il “Duca di Ferro” d’Austria (1409) e Vitoldo, Granduca di Lituania (1429 o 1431). Mentre l’ordine raccoglieva proseliti in tutta la cristianità, i suoi membri originari supportarono la politica di Sigismondo, impegnandosi nel massacro dei villici convertitisi alla dottrina dell’eretico Jan Hus. La vita della confraternita fu comunque breve, tanto che la data di scioglimento dello stessa si attesta intorno alla morte del suo fondatore. Importante inoltre ricordare che celebri appartenenti all’ordine (Es. Giovanni Hunyadi e Vlad II Dracul) si mossero guerra spietatamente. Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Ordine_del_Drago – Treccani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...